Dove vai se la password non ce l’hai? Mobile device: occhio alle truffe

 

 

“No password, no security” per la stragrande maggioranza dei consumatori digitali. Ben il 60% non protegge i propri dispositivi mobili con le password e solo 15,8%, invece, utilizza soluzioni antifurto. Ecco che allora i “ladri digitali” banchettano. La rete fornisce infinite opportunità di truffa ai moderni criminali, che si sono rapidamente adattati alle nuove tecnologie trovando diversi sistemi per carpire preziose informazioni e raggiungere i propri scopi illeciti. La posta elettronica, la diffusione delle transazioni telematiche e l’utilizzo massiccio di social network e chat al fine di condividere informazioni, contenuti ed esperienze, favoriscono e incrementano la circolazione di dati personali, rendendo i navigatori sempre più vulnerabili rispetto alla possibilità di essere vittima di questo pericolo, con conseguenti gravi danni economici e sociali.

Dispositivi ancora non protetti

Attraverso un sondaggio, Kaspersky Lab – azienda russa specializzata nella produzione di software progettati per la sicurezza informatica – mostra come i navigatori del web lascino incustoditi i propri dati personali lasciando libero l’accesso dei propri dispositivi – smartphone e tablet i più utilizzati per connettersi al mondo del web – rendendosi vittime di una microcriminalità sempre più subdola e specializzata.

Quelle di online banking, mail e social le attività più rischiose

I danni maggiori sono legati proprio alle operazioni di online banking, posta elettronica e strumenti social, tutti contenitori di preziosi dettagli e informazioni finanziarie e  private –  come foto e messaggi –  che costituiscono un ghiotto bottino per i ladri virtuali, in grado  di mettere in atto truffe spesso non risolvibili. Per prevenire le truffe online basterebbe usare un po’ di buonsenso. Ma, nonostante il pericolo, si evince in generale una scarsa consapevolezza da parte degli utenti dei reali pericoli cui, senza una adeguata protezione, si rischia di incappare. Solo il 39,7% infatti protegge i propri apparecchi mobili con le password, ed un esiguo 8% sceglie di crittografare i propri file e le proprie cartelle per evitare accessi non autorizzati.

Le dritte degli esperti

“Tutti noi amiamo i nostri dispositivi connessi – sottolinea ad Askanews Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab – perché ci danno la possibilità di accedere a informazioni vitali, da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. I malintenzionati vogliono impossessarsene proprio per il loro valore e l’impresa criminale si rivela più facile nel caso in cui ci si imbatta in un telefono, ormai rubato, non protetto da alcuna password”. Evitare di mettere la propria privacy nelle mani altrui è però possibile e, soprattutto, semplice: effettuare il back up dei propri dati, utilizzare una password sicura cambiandola spesso e usare le funzionalità antifurto sui propri dispositivi mobili  può davvero proteggere da guai seri.

Comments are closed.