Chi legge i termini di servizio delle app?

 

Gli italiani sono poco inclini a leggere i termini di servizio delle app scaricate. Se un sesto degli italiani si dichiara consapevole del fatto che le proprie informazioni vengano utilizzate dalle aziende (i dati sono un bene economico), il 33% degli intervistati non legge le condizioni di utilizzo delle app che poi utilizza, e il 54% le legge solo parzialmente.

Lo ha scoperto una ricerca sui Big Data realizzata dall’Agcom, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e dal Garante per la Protezione dei Dati Personali.

Le app scaricate possono accedere a funzioni sensibili del dispositivo

Ogni volta che installiamo un’app sui nostri smartphone questa richiede alcune autorizzazioni per accedere a dati, o ad altre funzioni dei dispositivi. Dalla ricerca emerge che gli utenti italiani hanno acquisito maggiore confidenza con questo tema, tanto che sei su dieci è al corrente di come la funzione di geo-localizzazione consenta a un software di identificare precisamente la posizione del dispositivo. Inoltre, il 49,2% degli intervistati dichiara di essere al corrente che tali app possono accedere a funzioni particolarmente sensibili del dispositivo, come la fotocamera, il microfono e la rubrica dei contatti.

Tre quarti degli intervistati rinuncia a servizi gratuiti per tutelare i propri dati

Acquisizione, elaborazione e cessione a terzi: secondo l’indagine tre quarti circa degli intervistati ha manifestato la propria disponibilità a rinunciare ad alcuni servizi e app gratuite per tutelare i propri dati. Tuttavia solo la metà accetterebbe di pagare per servizi e app a fronte di un minore utilizzo dei propri dati, riporta Agi.

Ma quali sono le determinanti dei prezzi fissati per le app? Esiste relazione inversa tra disponibilità a pagare e dati ceduti? L’informazione attraverso social network aumenta o riduce la diversità e la polarizzazione? Abbiamo bisogno di ‘nuove’ garanzie nelle nuove comunicazioni?

“Esiste uno scamb

io implicito dei dati tra utenti e piattaforma”

Oltre al comportamento degli utenti nel mondo delle app, dall’indagine emerge anche un rapporto tra il costo di queste e la quantità di dati raccolti. Esiste quindi una correlazione diretta fra il costo delle app e la loro invasività nella sfera digitale dell’utente. Se sul totale delle app gratuite distribuite sul Google Play Store (quasi un milione, pari all’84% del totale), i permessi richiesti sono in media 6,4, le app a pagamento richiedono in media 3,8 permessi. Questo risultato, sottolinea Agcom, “mostra con chiarezza, e in modo statisticamente significativo, l’esistenza di uno ‘scambio implicito’ del dato tra utenti da un lato e sviluppatori app e piattaforma dell’altro, circostanza che incide sulle scelte del modello di business e, in particolare, sul dato come bene economico”.

 

Comments are closed.